Stagione di prosa con grandi personaggi

+ 43
+ 42


Primo appuntamento il 18 e 19 dicembre con Beppe Fiorello in “Penso che un sogno così…”
Beppe Fiorello, Marco Paolini, Filippo Timi e Paolo Rossi: quattro grandi personaggi che avremo il piacere di vedere ed ascoltare nei loro spettacoli di cui sono interpreti e allo stesso tempo autori. Si racconteranno sul palco, a loro modo, attraverso canzoni e storie, vere o inventate, ma pur sempre appartenenti al loro vissuto. Ma la stagione non trascura per questo i grandi testi classici. Iniziati nel 2014, proseguono anche nel 2015 i “festeggiamenti” per i 450 anni dalla nascita di Shakespeare, quindi non potevano mancare “Re Lear” (e altro acclamato interprete, Michele Placido) e “La dodicesima notte” che vede sul palco un mostro sacro del teatro italiano: Carlo Cecchi. E ancora un classico, ma stavolta della contemporaneità: “Lo zoo di vetro” di Tennessee William in una messinscena che ha meritato in pieno l’apprezzamento della critica nazionale e del pubblico, di un regista e attore di spicco del panorama italiano: Arturo Cirillo. Un’attenzione speciale poi al “trittico” di spettacoli della stagione non a caso chiamata diversaMente: tre storie vere, personaggi realmente vissuti, la cui vita verrà raccontata ora con taglio giornalistico, ora con gli occhi di chi non conosceva e vuole sapere. Frost-Nixon, lo scandalo Watergate e la conseguente caduta di Nixon nella realizzazione, quasi cinematografica, di quelle che tengono “inchiodati” alla poltrona, dello storico duo Bruni-De Capitani; gli anni di piombo, il sequestro e la morte di Aldo Moro (lo spettacolo porta l’emblematico titolo di Aldo Morto) raccontati da un nuovo talento del teatro italiano, Daniele Timpano, troppo giovane per aver vissuto quei fatti, ma forse proprio per questo capace di dare un sguardo diverso, pieno di schietti interrogativi, come piena di interrogativi è la tragica fine del Pirata Pantani in un racconto vero fatto non solo di parole ma anche di immagini e testimonianze che cercano solo giustizia in un Italia dove la giustizia tante volte non c’è. La stagione poi, come sempre, ci porterà allegramente nel tourbillon delle feste di fine anno: “Il Paese del sorriso” il pomeriggio di Santo Stefano, la notte di San Silvestro fra brindisi e musica accompagnati dalla Rimbamband e la Befana con il divertentissimo musical Frankenstein Junior. Da oggi sono in vendita presso la biglietteria del Teatro, i biglietti per i singoli spettacoli della stagione di prosa 2014-2015 con le seguenti modalità: distribuzione contromarche alle 9.30 e apertura della biglietteria alle 10.30. Compatibilmente con la presenza di pubblico allo sportello, verranno accettate le prenotazioni telefoniche. A partire da lunedi 24 novembre (dalle ore 10.30) sarà anche possibile acquistare i biglietti per gli spettacoli online sul sito www.vivaticket.it. L’esordio è in programma il 18 e 19 dicembre con Fiorello, che proporrà lo spettacolo dal titolo “Penso che un sogno così…”.

dalla redazione de Il Piccolo

Segnala questo articolo su